Gay Village 2011 Roma: la danza classica debutta al Parco del Ninfeo



Al Gay Village 2011 a Roma debutta la danza classica e contemporanea.

Quest’anno infatti, accanto agli spettacoli filmici, teatrali e musicali che solitamente offre l’organizzazione, viene dato spazio anche alla danza. E che spazio, visto che le date dello spettacolo Love Paradigma, nato da un’idea originale di Imma Battaglia in collaborazione con il coreografo Mario Piazza, sono ben tre, dal 7 al 9 Luglio.

A dire il vero, Love Paradigma si compone in realtà di tre spettacoli ben distinti, ma riuniti sotto il tema comune dell’amore, celebrato in ogni sua declinazione possibile.

La serata del 7 Luglio, vedrà esibirsi étoiles internazionali, tra cui spicca il nome di Davide Dato, astro nascente della danza che delizierà con un assolo dal titolo Life, in anteprima mondiale per Love Paradigma.

L’8 Luglio invece, sarà la volta dello spettacolo che dà il nome alla manifestazione, Love Paradigma e vedrà in scena dieci ballerini selezionati tra ben 350, che verranno accompagnati solo dalla voce di due soprano, Mamo Adonà e Gianni Greco.

Lo spettacolo del 9 Luglio, a completamento del percorso espressivo di Love Paradigma, si intitolerà Love Affection e sarà dedicato all’arte, all’impegno civile e ai diritti. Sul palco si avvicenderanno, in una serie di manifestazioni, danzatori, cantanti, attori che celebreranno le lotte contro ogni discriminazione e l’impegno a favore dei diritti civili. Verranno proiettati video provenienti da tutte quelle organizzazioni ed associazioni che aderiscono all’iniziativa, come Greenpeace, Amnesty International, Emergency solo per citarne alcuni. L’attrice Eva Grimaldi leggerà la carta dei diritti universali dell’uomo. Insomma, le idee di Imma Battaglia, che da oltre 20 anni dedica la sua vita alla lotta per i diritti civili, danno vita insieme a Mario Piazza, ad un grande spettacolo che sicuramente saprà coinvolgere ed interessare il grande pubblico del Gay Village.

Love Paradigma è stato realizzato grazie al sostegno della Regione Lazio e dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale.