Joseph Gordon Levitt, sopravvivere al cancro



Una ‘faccia’ che il cinema americano e mondiale sta imparando ad amare molto, quella di Joseph Gordon Levitt, classe 1981, di Los Angeles. L’attore ha iniziato la sua carriera fin da bambino, partecipando a serie televisive di grande successo, come ad esempio ‘Una Famiglia Del Terzo Tipo’. Ma crescendo, è nata in lui anche la voglia di crescere artisticamente, in ruoli particolari che solo un certo cinema indipendente avrebbe potuto regalargli. Così, Joseph ha iniziato a concentrarsi su questa fetta della cinematografia. E ha visto giusto: i ruoli da lui scelti, hanno incominciato a creargli intorno una serie di interesse, grazie a cnhe alle molte critiche positive che da più parti iniziavano a fioccare. Ma, seppur molti film da lui interpretati non sono famosi qui in Italia, la consacrazione al nostro pubblico Gordon Levitt la riceve grazie alla sua magistrale interpretazione nel film Inception, di Christopher Nolan, accanto ad un altro ‘grande’, Leonardo Di Caprio. Ora, la nuova sfida per questo attore intenso e bravissimo qual è Joseph Gordon Levitt, si chiama ’50 e 50’, un film in programmazione in questi giorni nelle nostre sale cinematografiche in cui Levitt interpreta l’ennesimo ruolo ‘difficile’: quello di un ragazzo di 25 anni la cui vita –che fino a quel momento fila liscia come l’olio, con un buon lavoro, buoni amici e una ragazza che lo ama- viene sconvolta dal fatto di avere un raro e terribile cancro. Dapprima il ragazzo non accetta di buon grado né la malattia né il fatto di doverla affrontare attraverso cure invasive e dolorose. Ma poi, a piano a piano, e grazie all’aiuto della sua famiglia –e di una studentessa universitaria di nome Kate-, riuscirà ad affrontare quello che, nella vita di chiunque, risulta essere un vero e proprio trauma. Insomma, a noi questo attore piace proprio parecchio (soprattutto fisicamente…). Assolutamente da seguire!