Lady Gaga e Madonna censurate in Russia



Che Madonna e Lady Gaga fossero delle ‘grandi’, già lo si sapeva. Non solo artiste, icone e pop star riconosciute a livello globale, ma anche persone sensibili che, soprattutto in fatto di battaglie per i diritti lgbt, non si sono mai sprecate… Dopo l’avvio delle sconsiderate politiche ‘anti-gay e omofobe’ avviate dalla Russia di Putin, in molte parti del mondo si stanno prendendo provvedimenti per cercare, almeno in parte, di contrastare questo triste fenomeno.

 

E Lady Gaga e Madonna hanno deciso di schierarsi anche loro contro l’inciviltà e l’omofobia della Russia. Da parte russa però, gli strumenti per sedare e soffocare i diritti dei gay non sono pochi. Nei confronti delle due pop star infatti (che come accennato prima si sono decisamente schierate a favore del mondo gay), il governo russo ha avviato una vigliacca censura: entrambe le artiste sono state accusate di aver tenuto i loro concerti in Russia senza avere legalmente le carte in regola.

 

In pratica, si sono esibite in terra di Russia munite esclusivamente di un visto turistico, andando in contrasto con la legge che attualmente vige in quel paese. Questo rischia di mettere le pop star in una situazione legale complicata, dovendo rispondere direttamente al ministero degli Esteri  o al servizio di immigrazione russo. Dal canto suo, Lady Gaga ha definito il governo russo ‘criminale’! Dal suo profilo personale su Twitter, la pop star tuona: ”Russia perchè non mi hai arrestato quando potevi? Forse perchè non volevi dover rispondere al mondo?”. E poi continua: ”i gay russi non sono soli. Combatteremo per la vostra libertà”.

 

Cattura