Torre del Lago Vacanze 2011: la lotta contro il Comune di Viareggio



Torre del Lago, la location che ormai migliaia di gay scelgono per le proprie vacanze a tema, sembra vivere un momento d’ombra che speriamo possa risolversi presto e nel migliore dei modi. Ma andiamo con ordine.
Come è ormai noto a tutti, il lungomare di Torre del Lago, Toscana, è particolarmente dedito alla comunità LGBT, anzi, un intero tratto di lungomare è identificato proprio come “tratto gay”, con locali rainbow e attrazioni di vario genere. Eppure, sabato scorso è accaduto qualcosa che potrebbe mettere a serio rischio la movida notturna omosessuale di Torre, a seguito di una normativa che ha coinvolto uno dei luoghi più rappresentativi, il Priscilla Caffè. La normativa stabilisce che il bar venga chiuso entro la mezzanotte a causa dei forti decibel del karaoke. Va da sè, per l’imprenditoria LGBT di Torre del Lago questa ordinanza è oltremodo punitiva, soprattutto perchè in una località di mare come questa, la vita notturna è popolata da centinaia di ragazzi che, in vacanza, si godono le uscite con gli amici. E dove andare se i locali avranno l’obbligo di abbassare le serrande a mezzanotte?
Proprio per questo motivo, l’imprenditrice transessuale proprietaria del Priscilla, ha iniziato uno sciopero della fame contro la decisione del Comune di Viareggio che a quanto pare ha iniziato una vera e propria crociata contro gli imprenditori LGBT.
Torre del Lago dunque, da che viene considerata fiore all’occhiello per la comunità gay, nasconde in realtà numerose falle provenienti proprio dal Comune che continua a negare diritti agli imprenditori, limitandone l’azione. No alle insegne luminose, disturbano la fauna, no alle animazioni sulle terrazze dei locali, no alla musica in discoteca (che bel controsenso è?), no ai Bar oltre la mezzanotte.
Insomma, l’elenco è lungo e gli imprenditori LGBT sono stanchi… porterà a qualcosa lo sciopero di Miss Priscilla? Ce lo auguriamo…